Home Libri Libri sulla Shoah – Giorno della memoria 2018

Libri sulla Shoah – Giorno della memoria 2018

29 minuti per leggere
0
0
64

In questo articolo andremo a parlare di  cinque libri sulla Shoah.

Se questo e un uomo e La tregua

 

Due dei libri più famosi, che come argomento hanno quello di descrivere le atrocità commesse dai nazisti su ebrei e prigionieri di guerra,  sono italiani, ed  entrambi scritti da Primo Levi. Costui è stato un chimico nato a Torino, che in essi racconta la sua esperienza vissuta nel campo di sterminio di Monowitz. Ne “La Tregua”,  racconta, invece, del viaggio di ritorno dal campo di concentramento dopo la liberazione dei sovietici, e dei suoi primi momenti di vita libera,  successivi alla rivelazione della tragedia che è stata la Shoah.

Il Diario di Anna Frank

“Il Diario di Anna Frank” è probabilmente l’opera letteraria più famosa sull’Olocausto. Il libro, infatti, descrive dal punto di vista della giovane scrittrice ebrea, (appunto Anna Frank), la vita che costei trascorre nascosta alla Gestapo (la polizia nazista), nel periodo precedente alla sua deportazione. In esso vediamo le persecuzione degli ebrei da parte dei nazisti e dei collaborazionisti. In questi giorni il libro sarà ristampato e allegato ai maggiori quotidiani nazionali.

 

Il bambino di Aushwitz

“Il bambino di Auschwitz” è un libro scritto da un’autrice australiana: Suzy Zail. Si tratta di un romanzo ispirato da una storia vera: descrive le vicende di un bambino all’interno del celebre campo di sterminio di Aushwitz che da, appunto, il titolo al racconto. Interessante è la descrizione della vita del bambino all’interno del campo di prigionia che tenta di rimanere normale nonostante gli orrori che vede quotidianamente.

La banalità del male

Chiudiamo questo articolo con un libro che descrive ciò che successe a uno dei carnefici della Germania Nazista, ovvero il famoso Adolf Eichmann. Infatti, in quest’opera, viene analizzata la storia della sua cattura e condanna a morte. Il libro si ferma ad analizzare il rapporto tra l’imputato e le vittime, che però saranno anche i giudici per la sua condanna. Il testo cerca di rispondere se questo rapporto, (vittime-giudici) sia eticamente corretto. Questo saggio è stato scritto da un’autrice tedesca naturalizzata statunitense: Hannah Arendt.

 

Per restare sempre aggiornato, puoi seguirci su TwitterFacebook, Instagram  e sul nostro canale YouTube.

 

Carica più articoli correlati
Load More By Webmaster
  • La fine di Montalbano!!!

    Andrea Camilleri scrittore celebre per aver creato Montalbano durante #Cartabianca su Rai …
Load More In Libri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

A Luglio arriva l’Inconcepibile Rat-Man!

Leo Ortolani ha confermato sulla sua pagina Facebook l’arrivo di un nuovo fumetto in…